11/03/2014 Riciclolio: marzo è il mese delle scuole

Un mese importante per Riciclolio, dedicato a un'intensa promozione della raccolta dell'olio alimentare esausto di origine domestica presso gli istituti scolastici genovesi. Il progetto europeo, promosso da SIGE (Servizi Industriali Genova), Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell'Università di Genova, Ata, DP Lubrificanti e Fratelli Carli, con il Comune di Savona capofila, in collaborazione con Comune di Genova, Amiu ed Also, vede nuovamente protagonisti gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado. Grande attenzione, quindi, per i laboratori didattici che si svolgono presso il Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università di Genova, in via Dodecaneso 31. Partecipano le scuole medie Sampierdarena, Burlando, Centurione, San Fruttuoso, Gaslini, San Teodoro, Pontedecimo e Teglia insieme alle primarie Fontanarossa e San Paolo ed agli istituti Gianelli ed Emiliani. In totale sono 400 studenti genovesi impegnati in quest'attività. "Inizialmente viene illustrato un impianto su scala per la trasformazione dell’olio alimentare esausto in biodiesel e glicerina ed in questa fase i ragazzi simuleranno la reazione chimica della trasformazione in provetta - spiega Anna Maria Cardinale (DCCI) - Successivamente, coinvolgeremo gli studenti nella preparazione di una crema per le mani a partire dalla glicerina ottenuta, con l’aggiunta di altri componenti cosmetici". Entrare, in maniera efficace, nel mondo delle scuole per arrivare alle famiglie grazie al buon esempio trasmesso ai giovani. L'obiettivo di Riciclolio è far comprendere l'importanza dell'olio dell'insalatiera, della scatola di tonno o quel che avanza dopo una frittura. "E' materia prima importante, non va assolutamente buttata via - sorride la dottoressa Ingrid Barile (responsabile progetti speciali SIGE) - In questi primi tre anni abbiamo fornito migliaia di tanichette per la raccolta e dotato gli istituti delle apposite campane per il versamento. I dati sono molto interessanti: parliamo di oltre 15.000 litri d'olio recuperati". Nel progetto Riciclolio, un fruttuoso esempio di sinergia tra pubblico e privato, i vantaggi ambientali sono eccezionali: si arrivano, infatti, alla riduzione del 50% del carbonio, del 78% di anidride carbonica e del 65% di polveri sottili. Il progetto Riciclolio è cofinanziato dalla Commissione Europeo nel LIFE+, programma ideato allo scopo ultimo di indurre un cambiamento virtuoso nel comportamento dei cittadini attraverso un' intensa campagna di comunicazione che sostenga la raccolta dell'olio e ne estenda il più possibile il raggio di azione.