02/07/2014 I 18 punti raccolta per una Genova meno inquinata

02/07/2014 I 18 punti raccolta per una Genova meno inquinata

Cresce la sensibilità dei cittadini verso il progetto europeo Riciclolio, aumenta il numero dei punti di raccolta dell'olio esausto di origine domestica. Sono diciotto i luoghi provvisti del contenitore dove i genovesi possono recarsi per effettuare il versamento e, quindi, contribuire al raggiungimento di importanti vantaggi dal punto di vista ambientale. Grazie a quest'iniziativa, promossa da SIGE (Servizi Industriali Genova), DCCI dell'Università di Genova, Ata, DP Lubrificanti e Fratelli Carli, con il Comune di Savona capofila, in collaborazione con Comune di Genova, Amiu ed Also, è infatti possibile, attraverso raccolta, stoccaggio e trasporto, ottenere la riduzione del 50% del carbonio, del 78% di anidride carbonica e del 65% delle polveri sottili. Un chilo di olio vegetale esausto è, infatti, finalizzato al ricavo di biocarburante a basso impatto ambientale oppure glicerina per l'industria cosmetica. I punti di raccolta sono situati presso la scuola infanzia Bertoncini (corso Firenze, 79), la Caritas Diocesana (via Stallo, 10), il Circolo Taxisti (Corso Saffi, 27 cancello), il Centro Civico di via Buranello, SOMS La Fratellanza (via Monte Pertica), l'Associazione Non solo Morego (via Morego, 48), la Coop di Sestri Ponente (via Merano, 20), l'Ipercoop L'Aquilone di Bolzaneto (via Romairone, 10), la Coop Valbisagno (Lungobisagno Dalmazia, 75), la Coop di corso Europa 1079, la Coop Il Mirto (corso De Stefanis, 114 rosso), la Coop di corso Gastaldi 159, il circolo Arci Zenzero (via Torti, 35), il Club Sportivo Urania (via Argonauti, 10 rosso), SOMS La Filarmonica (Via S. Quirico, 74 rosso), SOMS La Fratellanza (via Isocorte, 13), la Sportiva Molassana (via di Pino, 35) ed il Municipio 3 Bassa Val Bisagno (via Oristano). "I nostri furgoni girano quotidianamente presso i ristoratori e, grazie a Riciclolio, anche presso la cittadinanza - afferma Andrea Morten (Also) - Dopo aver svuotato i contenitori presso i nostri stabilimenti di Campomorone, effettuiamo una prima ripulitura e poi lo inviamo presso la DP Lubrificanti di Latina dove avviene il trattamento che permette di trasformare l'olio da rifiuto in risorsa. Non importa se si mischiano olii di tipologie diverse, è però importante non inserire olio motore".